Abiti su Misura – Cerimonia (focus Pizzi Gioiello)

In Puglia, si sa, si dedica molta attenzione alla festa di matrimonio e il ricevimento è vissuto come un vero e proprio culto. Un evento in cui l’essere unici diventa qualcosa di assoluta importanza. E non dico questo utilizzando un accezione negativa (vi ho spiegato infatti in un precedente articolo come la penso sull’unicità degli abiti), ma anzi è secondo me l’occasione più giusta per optare alla realizzazione del “su misura”.

Il bello dell’abito personalizzato (per usare un sinonimo) è il frutto di un mix di elementi. Partendo dall’input, e quindi il desiderio, della cliente, passando dalla mente creativa del/lla stilista, per concludere alla lavorazione sapiente del/lla sarto/a, il risultato è un prodotto di assoluto valore, idoneo quindi da sfoggiare in un evento importante come è quello del ricevimento del matrimonio. Ecco perchè nonostante io mi occupo, e sono specializzato, sopratutto di moda prêt-à-porter amo quando mi capita di realizzare capi del genere per diversi motivi. Su tutti il rapporto di assoluta vicinanza che si crea con la cliente, il riuscire a realizzare uno specifico desiderio ti appaga infatti in maniera ancor più concreta. E poi perchè ti circondi di tessuti e accessori, utili alla confezione, di una pregiatezza unica che diversamente, nella realizzazione di un abito pratico e quotidiano, non ti trovi ad utilizzare.

In queste ultime stagioni per la cerimonia il protagonista assoluto è stato il pizzo, e tutt’ora la tendenza permane. I classici Chantilly, Rebrodè Macramè si sono arricchiti via via di pietre, perline, pailettes e fili laminati, diventando così dei veri e propri tessuti gioiello, aumentando ancora di più il valore, di per se già alto, dei tessuti di pizzo.

Quelli che vi vado a mostrare sono due abiti in cui il dettaglio dominante è proprio l’utilizzo di questi tipi di tessuto.

Il primo è un abito per una giovane donna di cui il pizzo utilizzato è sì romantico e raffinato ma sopratutto fresco e contemporaneo idoneo a l’immagine di chi l’abito l’ha indossato. Il pizzo laminé utilizzato non è infatti tra quelli che si possono definire classici ma ne è appunto un’evoluzione. Si tratta di una rete, in filato di lurex, su cui sono applicati fiorellini, e foglie, di diverse dimensioni che rompono l’impostazione a sequenza tipica dei pizzi.

20170328_110836.jpg

Tessuti utilizzati per l’abito: Duchesse di seta nera e Pizzo laminé

20170328_1108291.jpg

Focus tessuti

Senza titolo-1

© Leonardo D’Anzi Fashion Designer

Il secondo è l’abito per una signora, la mamma di una sposa, che non vuole dare di se l’immagine troppo prototipata della “classica mamma della sposa” ma quella di una donna semplice ma allo stesso tempo molto elegante. Pantaloni palazzo, per slanciarne la figura; top morbido, per non fasciare molto la silhouette, con scollatura, a cuore sul seno e a punta sulla schiena, impreziosita dal pizzo gioiello; spolverino con manica a tre quarti, con applicazioni in pizzo, per completare la mise. Data l’importanza del ruolo sono stati scelti dei tessuti molto pregiati: cadì in seta e pizzo rebrodè con ricamo di pietre e perline.

Abito Mena

© Leonardo D’Anzi Fashion Designer

A presto…..Leo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...